Centro di Psicoterapia Cognitiva di Verona

Home » Articoli » Disturbi di personalità

Disturbi di personalità

Annunci

Secondo il Manuale diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali,IV Edizione, un Disturbo di personalità rappresenta una modalità di esperienza interiore e di comportamento che devia marcatamente rispetto alle aspettative della della cultura dell’individuo, è pervasivo e inflessibile, esordisce nell’adolescenza o nella prima età adulta, è stabile nel tempo.

Un Disturbo di personalità può compromettere diverse aree del soggetto, quali il suo funzionamento cognitivo, affettivo, interpersonale o il controllo degli impulsi, generando conseguenze significative sulla sua e altrui qualità della vita. Al momento attuale i disturbi di personalità che sono stati individuati dai manuali diagnostici corrispondono a 10 tipologie, raggruppate in tre gruppi.

Tipologia del disturbo e caratteristiche principali 

Gruppo A

Paranoide

Sfiducia, sospettosità, irritabilità, rabbia, conflitti interpersonali

Schizoide

Appiattimento affettivo/emotivo, assenza di interessi sessuali, isolamento sociale

Schizotipico

Distorsioni cognitvo-percettive, bizzarria comportamentale, pensiero magico, idee di riferimento, sospettosità, difficoltà nella socializzazione

Gruppo B

Antisociale

Assenza di rispetto di norme sociali/legali, impulsività, aggressività, assenza di rimorso, disonestà

Borderline

Impulsività/rabbia, condotte suicidare, ideazione paranoie, senso di abbandono, instabilità interpersonale, sensazioni di vuoto

Istrionico

Continua ricerca di attenzione, atteggiamenti seduttivi, teatralità, suggestionabilità , eccessiva emotività

Narcisistico

Idee grandiose, ricerca di ammirazione, assenza di empatia, tendenza allo sfruttamento interpersonale

Gruppo C

Evitante

Inibizione sociale, paura del rifiuto, senso di inadeguatezza, inibizione interpersonale

Dipendente

Sottomissione, mancanza di iniziativa, paura di rimanere da solo

Ossessivo-compulsivo

Perfezionismo, bisogno di controllo e ordine, rigidità, anedonia, attenzione ai dettagli e alle regole, riluttante a delegare compiti

Il riconoscimento di tali caratteristiche da parte del medico di base aumenta la probabilità di una corretta diagnosi e di conseguenza di un intervento terapeutico adeguato. Questo assume una particolare importanza perchè permette al paziente di prendere consapevolezza del proprio disagio e lo aiuta a rafforzare e sviluppare l’uso di strategie di gestione del proprio disturbo.

Rispetto al trattamento dei disturbi di personalità le evidenze scientifiche attuali propendono per una maggior efficacia di interventi che integrino diversi approcci, quali ad esempio il trattamento farmacologico, la terapia dinamica, la terapia di gruppo, la psicoeducazione e la terapia cognitivo-comportamentale. In particolare, la terapia cognitivo-comportamentale si sta dimostrando di notevole utilità. La terapia comportamentale dialettica di Lineham (1993), ad esempio, si è dimostrata molto efficace nel trattamento del disturbo borderline di personalità. L’obiettivo del trattamento è quello di agire sia sugli aspetti emotivi del paziente sia sulle sue relazione interpersonali e anche sulle capacità metacognitive. In questo modo l’intervento si occupa di diversi aspetti tra loro collegati e permette al paziente di affrontare il problema in un’ottica più globale.

A cura di Franco Baldini

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: